Mario Vargas Llosa, La zia Julia e lo scribacchino (Perù)

La stranissima storia di un narratore di storie, un mirabolante scribacchino in grado di tenere incollata alla radio giorno dopo giorno l’intera popolazione di una nazione coi suoi romanzi radiofonici in cui succedono le cose più incredibili, narrata da un altro narratore di storie, un giovanotto che vuole fare lo scrittore e intanto riesce a innamorarsi, e a sposarsi fortunosamente, con una zia acquisita più vecchia di lui.
Se non che le storie si ingarbugliano, e anche il matrimonio finisce.
Un romanzo composito che solo un grande scrittore poteva ideare e tenere in piedi fino alla fine, senza sbavature.

Recensione di ombraluce.

Annunci

Mario Vargas Llosa, Elogio della matrigna (Perù)

“Elogio della matrigna”, Mario Vargas Llosa, ed. Einaudi tascabili 2011 – traduzione Angelo Morino
PERU’
Un classico triangolo amoroso, i cui tre lati però si distinguono per essere piuttosto originali: il primo è Don Rigoberto, padre di famiglia, maniaco del proprio corpo, ossessionato dal suo decadimento e dedito ossessivamente ad abluzioni corporali descritte in dettaglio in tutta la loro oscena ritualità, il secondo è Donna Lucrecia, la matrigna del titolo, seconda moglie di Don Rigoberto, una sorta di Venere che tutti incanta ed ammalia, ed il terzo è il piccolo Alfonso, detto Fonchito, figlio adolescente di primo letto di Don Rigoberto, dall’aspetto di cherubino ma dalla mente diabolica. Quella che sembra, infatti, un’infatuazione innocente, e poi una passione perversa, del ragazzino per la matrigna si rivelerà essere invece parte di un terribile piano per sbarazzarsi di lei.
Vargas Llosa ha uno stile raffinato e musicale, e molto interessante è la struttura del romanzo, diviso in episodi che traggono spunto da altrettanti quadri e dalle scene ivi dipinte. Tuttavia, la sensazione prevalente che la lettura del romanzo ha suscitato in me è stato il disgusto, sia per le scene erotiche coinvolgenti la matrigna ed il bambinetto, sia per le descrizioni dei riti di pulizia cui Don Rigoberto si sottopone quotidianamente. Sicuramente non è questo il romanzo giusto per iniziare la conoscenza con questo grande autore peruviano.
Recensione di freetoflyaway.