Salwa Al-Neimi, La prova del miele (Siria)

Trovo difficile commentare questo libro, perché non capisco come l’autrice abbia potuto scriverlo e qualcuno persino pubblicarglielo e tradurlo in altre lingue. La prova del miele è una dissertazione in chiave pseudo-autobiografica sul sesso e sul potere della letteratura erotica, in particolare in lingua araba. La narratrice e protagonista, che rimane anonima ed incolore fino alla fine, viene incaricata dal responsabile del suo dipartimento universitario di scrivere un saggio sui testi erotici arabi, e questo studio diventa il pretesto per parlare della sua storia, dei suoi incontri e del fascino di un uomo in particolare, il Pensatore.
Si alternano una serie di ovvietà e considerazioni senza spessore, dalla poligamia femminile al fascino delle parole nel sesso, dall’adulterio al bacio, al Viagra e a molto altro. Non si capisce dove l’autrice voglia andare a parare, né cosa voglia davvero raccontare.
Mi dispiace soltanto aver perso tempo prezioso nella lettura di questo orrore, ennesima incomprensibile operazione di marketing a tavolino.
Recensione di Pitichi.
Annunci